Home Cattive Notizie Alluvione Valnure e Valtrebbia, aggiornamenti. Vigilante morto a Bettola, padre e figlio...

Alluvione Valnure e Valtrebbia, aggiornamenti. Vigilante morto a Bettola, padre e figlio ancora dispersi.

572
0
CONDIVIDI

I danni maggiori si registrano a Farini, Bettola, Bobbio, Ottone e Marsaglia. Le precipitazioni, sui crinali, hanno raggiunto i 300 mm; 100 mm è il livello di acqua caduta a Pontedellolio.
La Protezione Civile ha diramato l’allerta anche per il fiume Po nei comuni di Calendasco, Gazzola, Gossolengo, Gragnano, Piacenza, Rivergaro, Rottofreno e Travo. Il livello del Grande Fiume, monitorato da Aipo, però, non è preoccupante. Strade, ponti, auto distrutti, traffico rallentato. Riunione in Prefettura: la Regione stanzia subito due milioni di euro.

La guardia giurata dell’Ivri dispersa dalle prime luci dell’alba a Bettola, di cui si erano persi i contatti dopo le 5, è stata trovata priva di vita sul greto del Nure in località Riva. Il cadavere era poco distante dal luogo dove era stata ritrovata l’auto di servizio distrutta. L’uomo mentre era in servizio è stato con tutta probabilità travolto dall’onda di fango e acqua. La vittima si chiamava Luigi Albertelli, aveva 55 anni ed era di Pontedellolio. Sul posto i carabinieri e i vigili del fuoco. Le ricerche di Filippo e Luigi Agnelli, padre e figlio di 67 e 43 anni continuano.

“Siamo davanti ad un disastro di dimensioni sconosciute per il nostro territorio – affermano Francesco Rolleri e Patrizia Calza, presidente e vicepresidente della Provincia -. Innanzitutto vogliamo esprimere tutta la nostra tristezza per la vittima dell’alluvione alla cui famiglia inviamo il più sincero cordoglio. Permane la preoccupazione per le persone che risultano ad ora disperse. Così come è elevata la preoccupazione per i danni subiti. A questo proposito vogliamo ringraziare la Regione per la tempestività con cui ha provveduto già oggi a stanziare due milioni di euro per l’emergenza e per i primi interventi. Riteniamo che a questi si aggiungeranno, con il riconoscimento dello stato di calamità, gli altri finanziamenti indispensabili per rimettere in piedi le località alluvionate”.

Una squadra dei vigili del fuoco di Bobbio ha salvato marito e moglie intrappolati nel loro camper sul greto del Trebbia sotto il Ponte Gobbo. Il camper era già in corrente e stava per essere trascinato via dal fiume con dentro i due coniugi. La squadra di Bobbio ha calato il gommone da rafting in acqua con due operatori e li hanno calati a circa 150 mtetri dalla riva fino al camper e non senza grossi rischi hanno estratto le due persone dai finestrini del camper. A quel punto sono stati recuperati con le corde dalla riva da altri tre pompieri e grazie alla collaborazione ed aiuto dei carabinieri di Bobbio.