Home ... ma Anche Aqua Film Festival: i vostri occhi sulle sponde

Aqua Film Festival: i vostri occhi sulle sponde

199
0
CONDIVIDI

Fratello mare, amico fiume, caro lago è un’iniziativa attivata all’interno di Aqua Film Festival, la rassegna cinematografica tutta dedicata all’acqua che aprirà i propri schermi il 26, 27 e 28 marzo 2020 nei locali della Casa del Cinema presso la Casina delle Rose di Villa Borghese a Roma. Quella che si aprirà sarà la sua quinta edizione avendo iniziato la propria storia nel 2016.

Il suo inizio non è proprio imminente, possiamo dire che ancora molta acqua passerà sotto i ponti, ma per chi fosse interessato è bene sapere che già dal 1 ottobre e fino al 20 febbraio 2020 è aperto il bando gratuito per partecipare al festival. Tema: acqua, acqua e ancora acqua in tutte le sue forme e sfumature. Un mondo da esplorare e valorizzare ma anche da tutelare e difendere.

Parlando di tutela torniamo all’espressione di francescana memoria: Fratello mare, amico fiume, caro lago: si tratta di una sezione fuori concorso istituita per la prima volta lo scorso anno. Accoglierà “filmati corti o cortini realizzati con smartphone che denuncino qualsiasi tipo di attività irresponsabile che provoca inquinamento del mare, dei fiumi e dei laghi”.

I filmati, della durata da pochi secondi fino ad un massimo di 5 minuti potranno essere caricati in ogni momento dell’anno sulla pagina youtube aperta appositamente e potranno riguardare situazioni di danno e degrado ambientale in ogni luogo del mondo. Inoltre gli autori dei filmati potranno sia firmare il proprio cortometraggio sia rimanere anonimi se lo riterranno più opportuno.

I video verranno poi girati alle autorità competenti in modo da poter agire per riparare alla situazione. Comunque la conoscenza di un problema è sempre il primo passo e se questa conoscenza si diffonde anche la possibilità di un intervento sarà più concreta.

Come ci ha detto giustamente la direttrice artistica dell’evento, Eleonora Vallone, le immagini hanno un potere enorme. Perché non mettere al servizio della tutela ambientale questo mezzo così potente?

Pensiamo a tutte le situazioni che quasi a tutti è capitato di vedere, tra inquinamento e degrado ambientale, passando per quella che ormai una vera e propria emergenza soprattutto se parliamo di mare, laghi e fiumi. Si tratta dell’abbandono di rifiuti, spesso e volentieri plastica con tutte le sue orribile conseguenze. Di fronte a plastiche galleggianti, rive ingombre di manufatti umani più disparati, dai materassi ai cassonetti dei rifiuti fino a qualche elettrodomestico spesso ci siamo sentiti scossi ma non abbiamo saputo bene cosa fare. Da oggi in poi, smartphone alla mano, potremo almeno denunciare la situazione.

Link di riferimento: https://www.aquafilmfestival.org/

https://www.aquafilmfestival.org/fratello-mare

https://www.youtube.com/channel/UCstdFUkqTT31DYwFXXujJqg