Home Acqua e Territorio Bomporto, incontro pubblico su sicurezza idraulica. Il punto sui prossimi interventi. Oggi

Bomporto, incontro pubblico su sicurezza idraulica. Il punto sui prossimi interventi. Oggi

174
0
CONDIVIDI

di Gian Luigi Casalgrandi

“Faremo insieme ai cittadini una verifica sullo stato della sicurezza idraulica di tutto il nodo modenese, con particolare riferimento alla manutenzione ordinaria e straordinaria, e saranno illustrati i lavori previsti la prossima estate”.

Presenta così Gian Carlo Muzzarelli, presidente della Provincia di Modena, l’incontro pubblico in programma questa sera (mar19 aprile) a presso il teatro Comunale di Bomporto. Nel corso dell’incontro saranno illustrate le opere idrauliche e di manutenzione previste nei prossimi mesi sugli argini di fiumi Secchia e Panaro e sulle casse di espansione.

Oltre a Muzzarelli, intervengono Paola Gazzolo, assessore alla Difesa del suolo e Protezione civile della regione Emilia Romagna, i sindaci del territorio (Bomporto, Bastiglia, Nonantola e Soliera), tecnici dell’Aipo, della struttura per l’alluvione del commissario Stefano Bonaccini, e Rita Nicolini dell’Agenzia regionale della Protezione civile.

Tra gli interventi di Aipo, previsti la prossima estate, spiccano le manutenzioni, il  ripristino di frane sugli argini di Secchia e Panaro, i lavori sulla briglia della cassa di espansione del Secchia e l’adeguamento degli argini sempre sul secchia e sul Panaro.

Come sottolinea Muzzarelli “le risorse, a differenza degli anni scorsi, ora ci sono; occorre spenderle bene e con tempestività per mettere in sicurezza il complesso nodo idraulico modenese. Su questi temi stiamo mantenendo un presidio costante, anche attraverso lo staff tecnico di coordinamento”. Le risorse programmate finora dalla Regione per la messa in sicurezza idraulica nel modenese, dopo l’alluvione, ammontano a più di 100 milioni di euro.

Lo staff tecnico del commissario è composto da Regione, Province di Modena e Bologna, Aipo e Consorzi di bonifica e costituito nella sede del Centro unificato provinciale di Protezione civile a Marzaglia.