iniziate le manovre di svaso dei canali

Dopo un inverno privo di precipitazioni e la grande siccità estiva, stiamo affrontando un’altra stagione anomala: una nuova ondata di alta pressione e temperature in rialzo e superiori alla media del periodo. Eppure il Consorzio Burana si prepara all’inverno con le consuete operazioni di svaso dei canali: manovre complesse che permettono al territorio di non

sopralluogo-dei-carabinieri-forestali-di-cuneo

“Cumuli di rifiuti stoccati sono stati rinvenuti dopo che due incendi hanno bruciato i terreni di una ex azienda che fino al 2009 si occupava di recupero di rifiuti non pericolosi provenienti dalla frazione verde per l’ottenimento di compost di qualità.” Questa è la notizia così come ci è arrivata. Ma dietro questa storia, che

in navigazione sul po

Assonautica di Venezia in collaborazione con la Camera di Commercio Venezia Rovigo Delta Lagunare, Confcommercio e la rete di armatori MetroPo ha organizzato a Venezia  per venerdì 20 e sabato 21 ottobre 2017due giornate di studio, di confronto e di proposta per favorire lo sviluppo del distretto fluviale del Po promuovendo la navigabilità interna del

troppo caldo e poca acqua

Il caldo fuori stagione che avvertiamo è un dato oggettivo e assolutamente inusuale. Secondo le rilevazioni di Meteonetwork, la massima di domenica 15 è stata di 26.8° centigradi. Anche se le temperature minime rimangono nei valori medi stagionali, le massime sono invece di 6 o 7 gradi al di sopra della norma. Ma è l’assenza

i sindaci sul ponte - foto nuovaperiferia.it

Tra le comunicazioni del sito ufficiale del Comune di Settimo Torinese si può leggere: “Il ponte sul fiume Po sito lungo la strada provinciale n° 92 di Castiglione a seguito degli eventi meteorologici avversi verificatisi dal 23 novembre al 25 novembre 2016, ha subito un cedimento strutturale compreso tra la prima e seconda campata lato

A Modena AIPO cambia casa

lunedì, 09 ottobre 2017 by
aipo

Si informa che a partire da lunedì 9 ottobre 2017 l’ufficio territoriale di Modena dell’ AIPo (Agenzia Interregionale per il fiume Po) si trasferirà dall’attuale sede di via Fonteraso alla sede di Strada Attiraglio 24 (di fronte al Parco XXII Aprile, lato verso la ferrovia). L’edificio è un ex casello idraulico di AIPo che risulta maggiormente

immissione degli storioni - foto ravennatoday

Duecento storioni adulti sono stati liberati martedì nell’area sud del Delta del Po e altri mille giovani esemplari trasferiti nel parco lombardo del Ticino. E’ il progetto del centro di ricerca di Cesenatico, corso di laurea in Acquacoltura e Igiene dei prodotti ittici dell’Università di Bologna, insieme all’Acquario di Cattolica, a Oltremare di Riccione e

il ponte spezzato 2009

Casalmaggiore – Ora che il ponte di tipo Bailey non ha chance, come è stato spiegato direttamente dall’Esercito e dal Genio Pontieri al sindaco di Casalmaggiore Filippo Bongiovanni, perché la struttura casalese, per la sua conformazione, non offre spiragli in questa direzione, ecco che un’idea può essere guardare a situazioni simili verificatesi nel recente passato.

Fenicotteri - foto parcodeltapo.it

Più di 20 autorevoli esponenti della comunità scientifica nazionale ed esperti delle comunità locali, sabato 7 ottobre 2017 (dalle 9.30 alle 13.30) nel Museo civico di storia naturale di Ferrara (via De’ Pisis, 24) daranno vita ad una riflessione pubblica su “Il Futuro del Delta del Po” in un momento in cui c’è una forte attenzione su come conservare

il fiume po

Il grande fiume era parte della vita quotidiana per i paesi rivieraschi e nel contempo era la più comoda via di comunicazione quando le strade erano in terra battuta e le piogge le rendevano impraticabili. I regolamenti comunali ne garantivano l’accesso e la tutela, ogni comunità era responsabile della cura degli argini, l’acqua era il

TOP