ponte tra settimo e castiglione torinese

Il ponte sul Po, che collega Castiglione Torinese a Settimo Torinese, fu chiuso al traffico mercoledì 28 dicembre 2016 dopo l’alluvione che aveva colpito il Piemonte un mese prima. Sul ponte era già stata istituita una limitazione al traffico per i mezzi superiori ai 35 quintali, ma ulteriori verifiche segnalarono  un peggioramento in corrispondenza del

il naufragio di Valentina e Valentino

Quasi ciclicamente si ripropone il tema della navigazione fluviale del tratto torinese del fiume Po, con sortite talvolta estemporanee. Negli ultimi vent’anni si sono succedute diverse proposte, e l’ultima, che prevede la circolazione di imbarcazioni elettriche a libera fruizione, è apparsa ai primi di dicembre, per iniziativa di due Assessori della Regione Piemonte, non è

Fotografia di Sara Marello per casalenews

Sabato 16 dicembre a Casale Monferrato torna l’appuntamento con la tradizionale fiaccolata notturna sul Po. L’evento è organizzato in collaborazione con diverse Associazioni e con il Comune di Casale Monferrato. Il ritrovo è previsto per le ore 20:30 presso l’imbarcadero situato sul Lungo PO Gramsci. A seguire la discesa delle fiaccole nel Po realizzata in

lavori di manutenzione scolmatore di trino - foto ilmonferrato.it

Sono cominciati lunedì e proseguiranno ancora per alcuni giorni importanti lavori di manutenzione straordinaria alle pompe della stazione di sollevamento di Trino. Le sei pompe, capaci di movimentare 24 metri cubi al secondo, ancora in occasione del rischio alluvione dello scorso anno sono state fondamentali per evitare che le acque provenienti dalla rete idrografica minore

scomparso ventiseienne di trieste

Andrea Sardos Albertini ha 25 anni. Studia giurisprudenza a Trieste, dove vive con la famiglia, e intanto gioca a pallavolo in serie A nel Travalico, la squadra della sua città. Gli manca un solo esame per laurearsi. Nella mattinata del 9 giugno 1981 parte in treno alla volta di Torino per a cquistare un’auto usata

rubinetto nel deserto

Da una settimana il masso con la scritta «Qui nasce il Po» è nascosto sotto la prima neve. Al pian del Re, la località a 2020 metri ai piedi del Monviso dove si trovano le sorgenti del «Grande fiume», non si arriva più con la macchina: la strada è chiusa alle auto. La fonte era

disfida del raviolotto - foto LaStampa.it

Un Raviolotto lungo il Po. La terza edizione del festival che vuole esaltare le tipiche paste ripiene italiane (fondamentalmente agnolotti e ravioli, di qui il nome) dopo aver scandagliato la provincia e l’anno scorso il Piemonte tutto, stavolta – domenica 12 novembre – si spinge oltre i confini regionali seguendo il corso del grande fiume

ponte dei cavalieri templari a moncalieri

Sponde e brecce riparate, altre in via di rimessa in sicurezza, ma alcuni lavori si dovranno fare parzialmente, perchè non ci sono fondi a sufficienza. E’, in sintesi, il riassunto della commissione congiunta che questa sera, 30 ottobre, è andata in scena in Comune con la presenza di Aipo, l’agenzia interregionale per il fiume Po,

sopralluogo-dei-carabinieri-forestali-di-cuneo

“Cumuli di rifiuti stoccati sono stati rinvenuti dopo che due incendi hanno bruciato i terreni di una ex azienda che fino al 2009 si occupava di recupero di rifiuti non pericolosi provenienti dalla frazione verde per l’ottenimento di compost di qualità.” Questa è la notizia così come ci è arrivata. Ma dietro questa storia, che

qui nasceva il po - tristezza

A Pian del Re, 2020 metri sul livello del mare, la sorgente del Po è desolantemente asciutta dall’inizio di settembre. Vicino al masso che reca incise le parole “qui nasce il Po” soltanto rocce asciutte e disordinate accolgono il visitatore in un contesto sconcertante e triste. Stefano Fenoglio, collaboratore del Parco del Monviso e docente

TOP