Home ... ma Anche Fermiamo il consumo di suolo: l’ultimo libro di Paola Bonora

Fermiamo il consumo di suolo: l’ultimo libro di Paola Bonora

442
0
CONDIVIDI

“In Italia vengono consumati 8 metri quadrati di suolo al secondo: un rettangolo di 2 metri per 4 ad ogni respiro. Un accumulo che non conosce pause: in media sono stati consumati più di 7 mq al secondo per oltre 50 anni.”

Cosa intendiamo con consumo di suolo? Un prodotto della finanziarizzazione immobiliare e della rendita, di una pianificazione territoriale debole e compromessa, di ambiguità legislativa, e in più di speculazione, corruzione, opere inutili. Che significa disordine insediativo, invasione delle campagne, degrado paesaggistico e idrogeologico, incuria, ossia dissipazione dei patrimoni collettivi. Una formula di cui la retorica politica abusa senza che in realtà nulla cambi. È su questo che il libro ci invita a riflettere, analizzando lucidamente i contesti, i comportamenti, le implicazioni per la qualità della vita e dell’abitare, le relazioni sociali e le rappresentazioni culturali che concorrono a produrre e riprodurre il nostro ambiente di vita. E sottolinea l’urgenza di una coscienza del territorio capace di arrestare il processo e la sua irreversibilità.

Paola Bonora, geografa all’Università di Bologna, si occupa da tempo di consumo di suolo, tema centrale di numerosi saggi e degli ultimi suoi libri: «Atlante del consumo di suolo» (Baskerville, 2013) e, con P.L. Cervellati, «Per una nuova urbanità. Dopo l’alluvione immobiliare» (Diabasis, 2009). E’ presidente del comitato scientifico dei Gruppi di Azione Fluviale, i giornalisti che fanno questo giornale.