Fondali di 50 centimetri in Po: si fermano le motonavi del turismo fluviale

by / venerdì, 28 luglio 2017 / Published in CATTIVE NOTIZIE, IN VETRINA, LA NAVIGAZIONE
draga al lavoro sul Po

“Serve almeno un metro e mezzo di tirante d’acqua, cioè di profondità, per poter essere tranquilli – spiega Alessio Negrini, comandante della flotta di navi Andes Negrini – in teoria potremmo fare navigazione a breve raggio, ma non adesso che è chiuso il passaggio fra Mincio e Po. Ma poi comunque ci si ferma perché non c’è acqua”.

Dello stesso avviso Georg Sobbe, comandante della motonave Nena, che da Ferrara ci fa sapere quanto sia difficile, in questo periodo, uscire sul Po attraverso il Canale Boicelli o navigare il Po di Volano.

Giuliano Landini, al comando della più grande nave turistica del Po, da Boretto dice che “L’ultimo viaggio l’abbiamo fatto il 2 luglio e ora speriamo di poterci muovere almeno per ferragosto”.

Insomma, in questi giorni, sul Po possono passare soltanto piccoli natanti. E anche quelli devono usare la massima attenzione per evitare di arenarsi. A fare qualche dragaggio per assicurare almeno una rotta di emergenza non ci pensa proprio nessuno?

Lascia una risposta

TOP