Inaugurati a martellate i lavori di demolizione del ponte tra San Benedetto Po e Bagnolo San Vito

by / sabato, 20 maggio 2017 / Published in ACQUA e TERRITORIO, BUONE NOTIZIE, IN VETRINA, LOMBARDIA, MANTOVA
iniziati i lavori di demolizione del ponte

San Benedetto Po, 19 maggio 2017Con  due colpi di martello assestati contro una colonna del vecchio ponte, Roberto Maroni ha dato il via alla demolizione del ponte sul fiume Po che collega i comuni di San Benedetto  Po e Bagnolo San Vito, in provincia di Mantova.  Il presidente della Regione Lombardia, insieme al presidente della Provincia e ai sindaci dei due Comuni, ha tagliato il nastro, che simboleggia l’avvio dei lavori. Poi, con un martello, ha  dato il via ai lavori. Prima del taglio del nastro, davanti a una folta rappresentanza di amministratori locali, oltre una trentina di sindaci della Bassa Padana, Maroni ha ricordato “l’importanza che questo ponte riveste per tutta quest’area, sia dal punto di vista sociale sia per l’economia del territorio”.

Una struttura lunga oltre 300 metri attesa da 30 anni. Finanziata direttamente dalla Regione Lombardia per un importo di 34 milioni, l’opera sarà realizzata entro due anni dalla Toto Costruzioni Generali in associazione con la Vezzola Spa.

Un’opera che sostituirà il vecchio ponte con una struttura elegante, in perfetta osmosi con il paesaggio circostante, dotata di passaggi pedonali e di piste ciclabili, la cui costruzione arrecherà il minimo intralcio alla circolazione tra i due Comuni, grazie ad un’inedita soluzione di varo.

Il ponte, composto da due archi in acciaio corten poggiati su una sola coppia di pile in alveo, avrà una lunghezza complessiva di 330 metri e ospiterà due corsie automobilistiche affiancate da piste ciclopedonali per oltre 700 metri, raccordate da rampe alle piste già esistenti sulle due sponde opposte. La struttura, particolarmente snella e leggera –tremila tonnellate in meno rispetto al vecchio ponte – sarà più elastica, in grado di assorbire eventuali sollecitazioni sismiche, e meno impattante sul paesaggio circostante. Questo grazie alla sapiente scelta dei materiali e dei colori del manufatto.

Il comfort di automobilisti, pedoni e ciclisti sarà garantito da new jersey e pannelli metallici fonoassorbenti, da un’illuminazione notturna diffusa e discreta e da un sottopasso pensile, rivestito anch’esso in acciaio corten, per consentire il passaggio tra le due piste ciclopedonali. A garantire la sicurezza ci sarà un sistema di telecamere a circuito chiuso collegate in fibra ottica, un impianto di segnalazione ai natanti e ai velivoli, una stazione meteo e sofisticati sistemi di monitoraggio fluviale.

I lavori di demolizione del vecchio ponte e di costruzione del nuovo avranno fine ad ottobre 2018, con soli 18 giorni di interruzione del traffico. Un intervento chirurgico reso possibile dalla soluzione prescelta per il varo degli impalcati, costruiti a terra e poi posati in sede provvisoria sul fiume per mezzo di chiatte. Solo allora avverrà la demolizione del vecchio ponte, fase durante la quale il traffico sarà deviato sul ponte in sede provvisoria. Un’opera 2.0 che sarà possibile seguire in tempo reale sul sito web www.pontepo.it.

Articoli correlati:

http://www.ilgiornaledelpo.it/il-progetto-vincente-del-ponte-a-san-benedetto-po-il-cantiere-entro-lanno-conclusione-dopo-21-mesi-chiusura-solo-per-19-giorni/

http://www.ilgiornaledelpo.it/ponte-sul-po-san-benedetto-po-bagnolo-san-vito-avviso-di-gara-della-provincia-di-mantova/

Lascia una risposta

TOP