Home in Vetrina Intorno al Bacino del Po persi quasi 20 ettari al giorno. Il...

Intorno al Bacino del Po persi quasi 20 ettari al giorno. Il nuovo Atlante del consumo di suolo

561
0
CONDIVIDI

La  sola provincia di Bologna, con i suoi 1,17 ettari al giorno consumati di media nell’ultimo decennio, è la quarta provincia per consumo di suolo a livello nazionale, dopo Roma, Torino e Brescia.

L’Emilia-Romagna è la quarta regione in Italia per quantità di suolo consumato nel decennio 2001-2011, con i suoi 4,2 ettari al giorno di media: prima vengono la Lombardia con 6,2 ettari al giorno, il Piemonte con 5,1 e il Veneto con 4,4 ettari.

A documentarlo è Paola Bonora, professore ordinario di geografia all’Università di Bologna e presidente del comitato scientifico dei Gruppi di Azione Fluviale, fondatrice assieme a Walter Vitali di “Laboratorio Urbano” nell’Atlante del consumo di suolo per un progetto di città metropolitana, che verrà presentato domani, martedì 9 aprile alle ore 9, all’Oratorio di San Filippo Neri in Via Manzoni 5 a Bologna.

“Paesaggi di cemento e d’asfalto, il territorio preda dell’incuria e del dissesto, economie minacciate dalla sovrapproduzione edilizia. Consumo di suolo è la formula che riassume la condizione drammatica del dilagare disordinato dell’urbanizzazione. Un fenomeno che va analizzato, misurato e combattuto. Proponiamo alternative all’edificazione continua e all’invasione dei terreni agricoli. Fermare il consumo di suolo significa riutilizzare gli spazi già occupati, riqualificare in senso energetico il patrimonio esistente, ripensare la cultura del territorio e della sua salvaguardia”