Home Cremona L’acqua è pulita ma il bagno ancora non si fa

L’acqua è pulita ma il bagno ancora non si fa

738
0
CONDIVIDI
Giovanotti in ammollo al Lido Po di Revere negli anni Sessanta

Cremona, 3 luglio 2019 – I risultati delle analisi sono positivi e in miglioramento, ma il via libera si potrà avere solo nel 2022, dopo quattro anni consecutivi di valori entro i limiti di legge

L’acqua del Po è pulita, almeno dal punto di vista biologico, i bagni però non si possono fare (anche se alla Vecchia Venezia, al Cristo, sugli spiaggioni di Spinadesco i barcaioli lo fanno regolarmente). Sembra un paradosso, ma la legge parla chiaro: per autorizzare la balneabilità i risultati devono essere positivi per quattro anni consecutivi, per cui il via libera, se tutto andrà bene, si avrà nel 2022.

Il monitoraggio è stato effettuato dai tecnici dell’Ats Valpadana di Cremona in giugno, alla zattera di attracco della Baldesio. “Il risultato ha indicato valori di escherichia coli ed enterococchi al di sotto del valore limite indicato dalla normativa vigente – recita un comunicato dell’Agenzia di tutela della salute – bisognerà tuttavia attendere gli esiti dei campionamenti che verranno effettuati nelle prossime stagioni balneari per poter esprimere un giudizio in merito alla balneabilità delle acque”. Un netto miglioramento rispetto alle ultime rivelazioni effettuate negli anni 2004-2008, quando l’acqua del fiume era stata giudicata di ‘qualità scarsa’ almeno quella nei punti di prelievo, individuati a Isola Pescaroli di San Daniele, Torricella del Pizzo e Casalmaggiore.