Home Flora e fauna del Po Nidificazioni a rischio, le Associazioni Ambientaliste chiedono tutela

Nidificazioni a rischio, le Associazioni Ambientaliste chiedono tutela

329
0
CONDIVIDI
Fratino, Charadrius alexandrinus, una specie a rischio,

In questi giorni di quarantena si è assistito ad un crescente numero di segnalazioni che testimoniano un rapido ritorno di biodiversità in ambienti tipicamente disturbati.

Specie generalmente concentrate in zone caratterizzate da minor pressione antropica hanno visto una dilatazione delle aree utili alla nidificazione. Diverse forme avicole rare e protette sono attualmente nel pieno della nidificazione sulle nostre coste, anche in zone inconsuete, e non possono essere censite (e quindi tutelate) a causa del “lockdown” da covid-19.

Fra queste, le coppie nidificanti di fratino, Charadrius alexandrinus, una specie a rischio, il cui futuro immediato sarà determinato dalle nostre azioni. La progressiva e auspicata ripresa delle attività sulle nostre spiagge potrebbe rappresentare un pericolo per il loro successo riproduttivo, facilmente aggirabile con le dovute attenzioni.

“L’Associazione Ornitologi dell’Emilia-Romagna, l’Associazione di Volontariato L’Arca Ravenna, il Comitato Nazionale Conservazione del Fratino, Enpa, Fondazione Cetacea Onlus, Italia Nostra Emilia-Romagna, Legambiente Emilia-Romagna, Lipu, Pro Natura Emilia-Romagna, Unione Bolognese Naturalisti e WWF Emilia-Romagna lanciano alla Regione, alla Guardia Costiera, ai Carabinieri Forestali, al Parco del Delta del Po e ai sindaci della riviera emiliano-romagnola un appello a favore della tutela delle coste, così preziose per il settore turistico ma anche per il nostro patrimonio di biodiversità.”

Tante le realtà unite a richiedere alle autorità competenti tutela, sensibilità  e precauzioni, garantendo la continuità delle azioni di monitoraggio condotte dalle associazioni in momento dalle condizioni peraltro mai riscontrate, usufruendo del supporto di biologi e naturalisti esperti, garantendo il censimento dei nidi e favorendo la giusta informazione.

Misure attuabili a vantaggio di un patrimonio di biodiversità a rischio, un patrimonio che non ci appartiene ma che ci arricchisce, intessuto negli equilibri che definiscono lo stato di salute dell’ambiente in cui viviamo e, se tutto questo non bastasse, che siamo tenuti a tutelare per legge.

Segue il comunicato stampa

https://www.italianostra.org/comacchio-associazioni-ambientaliste-chiedono-tutela-per-le-nidificazioni/