Home Arte, Cultura, Spettacoli Presepe sul Po, a Piacenza, sul Grande Fiume

Presepe sul Po, a Piacenza, sul Grande Fiume

309
0
CONDIVIDI

Arriverà domenica 9 dicembre alle ore 10.30, proveniente da Mortizza, il Presepe galleggiante. Dopo la benedizione, l’opera d’arte verrà portata a Palazzo Farnese

Si è svolta stamattina, 5 dicembre 2012, la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa “Presepe sul Po”. L’evento si terrà domenica 9 dicembre a partire dalle ore 10.30 in via del Pontiere, lungo il fiume. Un corteo di barche accompagnerà un’imbarcazione, messa a disposizione da Catfisching Italia, che porterà un presepe da Mortizza al nuovo pontile “Città di Piacenza”, dove verrà sbarcato e successivamente benedetto. Sulle note dell’esibizione del “Placentia Gospel Choir”, il pubblico potrà poi gustare té caldo e vin brulé, offerti dagli Alpini.

Presenti all’incontro anche l’Assessore alla Cultura Tiziana Albasi e l’Assessore alla Città Sostenibile, Luigi Rabuffi, il quale così si è espresso: “Abbiamo inaugurato il pontile comunale e siamo quindi felici di aver dato spazio a questa iniziativa del Presepe sul Po, fortemente voluta dal Comune. Vogliamo infatti riportare i cittadini sul Po, come accadeva qualche anno fa, e speriamo di poter organizzare altri eventi di questo tipo”.

“L’iniziativa ha riscontrato un ottimo successo lo scorso anno – ha aggiunto Davide Tedeschi, di Catfishing Italia di Piacenza – Abbiamo perciò decisa di riproporla, sperando che possa diventare un appuntamento fisso per la nostra città”.

Il Presepe sarà successivamente condotto a Palazzo Farnese, dove entrerà a far parte della mostra “Presepe d’Autore”, giunta quest’anno alla 13esima edizione. “Il presepe – ha sottolineato l’Assessore Tiziana Albasi – ha un significato molto ampio, perché rappresenta un universale simbolo di pace. La mostra dei presepi d’autore è poi un omaggio all’artigianato locale e alle nostre origini”.

La mostra a Palazzo Farnese sarà visitabile fino al 6 gennaio e raccoglierà un gran numero di presepi, veri e propri capolavori artistici, di cui circa la metà di provenienza piacentina, mentre altri sono frutto di uno scambio con altre province. ilpiacenza.it