Home Emilia Romagna Salviamo gli alberi del Lido degli Estensi

Salviamo gli alberi del Lido degli Estensi

329
0
CONDIVIDI

I celebri pini marittimi di Viale Carducci, arteria pedonale principale del Lido degli Estensi, stanno per essere abbattuti a seguito dei lavori di rifacimento del manto stradale approvati dall’attuale amministrazione.

La Voce degli Alberi, gruppo di cittadini molto attivo sulla tematica della valorizzazione e tutela del verde pubblico, ha subito preso posizione, inviando al Comune di Comacchio le proprie osservazioni e mostrando forte preoccupazione per una scelta così radicale.
Marianna Suar, attivista della Voce, ha dato vita ad una raccolta firme, sia sul web che cartacea, presenziando per molti giorni di seguito ed altrettante sere proprio in Viale Carducci, chiedendo alle persone di schierarsi dalla parte degli alberi ed evitare la loro tragica fine.
Ad oggi la petizione sul web, consultabile sul portale change.org (link – https://www.change.org/p/sindaco-di-comacchio-salviamo-i-pini-di-viale-carducci-lido-degli-estensi ) ha raggiunto oltre i 550 aderenti, mentre quella cartacea ha ormai toccato i mille firmatari.

“Si tratta di un successo che testimonia quante persone tengano alla tutela del nostro patrimonio arboreo – sostiene Marianna Suar – dopo decenni in cui siamo stati  abituati a vedere i bellissimi pini marittimi e a goderne l’ombreggiatura mentre passeggiamo per Viale Carducci, non accettiamo che oggi vengano rasi al suolo così, auspichiamo perciò che il progetto venga modificato in corso d’opera, contemplando azioni diverse, che garantiscano la tutela dei pini, adulti e in salute”.

La campagna per salvare gli alberi di Lido degli Estensi dall’abbattimento è stata condivisa anche dagli altri gruppi ambientalisti del territorio: Fridays For Future Ferrara, Plastic Free Ferrara, Legambiente Comacchio, Fare Verde Ferrara, Salviamo Wirikuta e Pontegradella in transizione.

I referenti delle realtà ambientaliste sono pronti a consegnare le 1500 firme al primo cittadino di Comacchio, chiedendo che gli alberi vengano lasciati dove sono.
E’ evidente che, sempre più spesso, ad ogni progetto di abbattimento massivo di alberi, ad ogni opera che arreca danno al verde pubblico, vi siano sempre più cittadini sensibili, organizzati in associazioni, comitati e gruppi, pronti a mobilitarsi a difesa del patrimonio verde. E’ sintomo di quanto i cittadini, prima dei politici e degli enti di gestione del territorio, abbiano a cuore la tutela dell’ambiente e del paesaggio, ben consapevoli che in pieno climate change solo gli alberi possono frenare il surriscaldamento e la desertificazione, proprio quegli alberi che, invece di tutelare, si continuano ad abbattere periodicamente anno dopo anno.

“Non si comprende come Enti di tutela ambientale e del paesaggio, l’Ente Parco e la soprintendenza ai beni paesaggistici, siano assenti e silenti per tutti gli abbattimenti di alberi perpetrati negli anni in aree protette – afferma sempre Marianna Suar della Voce degli Alberi – i pini di Viale Carducci sono stati piantumati dallo Stato Italiano con l’ausilio del Corpo Forestale dello Stato, ideati per ombreggiare la passeggiata di cittadini e turisti tra bar e negozi, senza di essi il solleone dei mesi estivi renderà la zona invivibile, oltre che esteticamente più brutta. Aiutateci a fermare questo scempio e firmate per salvare i pini di Lido degli Estensi”.