Home Acqua e Territorio Sabbia aliena: ecco come i ripascimenti da zone lontane dall’entroterra e dalla...

Sabbia aliena: ecco come i ripascimenti da zone lontane dall’entroterra e dalla frantumazione di rocce portate dal fiume Po cambiano l’arenile della Costa Romagnola

482
0
CONDIVIDI

Ha un colore grigio, si compatta e diventa durissima. Oppure, a contatto con l’acqua, crea l’effetto “sabbie mobili”. Questa sabbia è stata prelevata da un sito in mare a circa 40 chilometri da Ravenna, una paleospiaggia formatasi più o meno 10 milioni di anni fa. Con una spesa esorbitante. Per quale risultato in termini di durata e qualità? Parla il geologo Giancarlo Faina.

Venti milioni di euro spesi per il ripascimento artificiale della costa prima della stagione 2016. E quando si parla di costa si fa riferimento a tratti di arenile di Misano, Riccione, passando per Torre Pedrera, Bellaria Igea Marina, Cesenatico, Milano Marittima, Lido di Dante, Punta Marina, Lido di Spina. La Regione Emilia Romagna ci ha messo 1 milione e mezzo, il resto il ministero dell’Ambiente.

Leggi l’articolo su riminiduepuntozero.it