Home Acqua e Territorio Pavia, alla ricerca dei villaggi perduti del Po medievale

Pavia, alla ricerca dei villaggi perduti del Po medievale

1859
0
CONDIVIDI
Due archeologi dell’Università di Bergamo al lavoro sul Po per recuperare i resti di una serie di villaggi medievali. All’epoca il fiume era un’autostrada per i commerci e la navigazione (foto Marcella Milani per corriere.it)

Lungo il Po, sulla sponda pavese al confine tra Lombardia e Piemonte, dove Tanaro e Sesia confluiscono, un gruppo di archeologi e ricercatori dell’Università di Bergamo è al lavoro per riportare alla luce sei villaggi scomparsi nel Medioevo, con le piene del fiume. La zona è quella compresa tra i comuni di Suardi e Pieve del Cairo, ricca di storia e particolarmente volubile dal punto di vista morfologico, con i corsi d’acqua che si sono ramificati e hanno dato origine a isole alluvionali.

Leggi l’articolo su corriere.it