Home Acqua e Territorio Si inaugura il “Museo diffuso del fiume” a Correggio Micheli di Bagnolo...

Si inaugura il “Museo diffuso del fiume” a Correggio Micheli di Bagnolo San Vito

676
0
CONDIVIDI

 

La storia della regolazione delle acque tra Mincio e Po e la conca del Bertazzolo a Governolo

Si chiama “Museo del fiume e Conca del Bertazzolo” e rappresenta, tra le due sponde del tratto terminale del Mincio prima dello sfocio in Po, la cultura delle acque e della loro regolazione dai secoli passati a oggi.

Il “Museo del fiume” è in uno stabile a Correggio Micheli di Bagnolo San Vito  e sarà inaugurato  sabato 19 ottobre alle 15 alla presenza dell’assessore regionale al turismo Alberto Cavalli e degli amministratori di Bagnolo San vito e di Roncoferraro. In programma una visita guidata al museo.

Il Museo Diffuso del Fiume – Conca del Bertazzolo nasce grazie alla fruttuosa collaborazione delle Amministrazioni Comunali di Bagnolo San Vito e di Roncoferraro, insieme a Regione Lombardia, per un progetto culturale nato, cresciuto e maturato negli anni scorsi nell’ambito del Museo Diffuso – Conca del Bertazzolo e del più vasto comprensorio dell’Ecomuseo della risaia, dei fiumi, del paesaggio rurale mantovano. Oggetto dell’indagine di archeologi e storici una porzione di territorio, quella del Basso Mincio da Mantova al Po, strategicamente importante per la storia della città di Mantova e del suo territorio.

In un percorso fondato su basi scientifiche, ma volutamente didattico, costituito da pannelli esplicativi a diversi livelli di lettura, da modelli e video in lingua italiana e inglese, gli esperti ne hanno colto l’evoluzione nel tempo, dall’antichità ai giorni nostri. Il risultato è quello di un suggestivo percorso il cui filo conduttore è costituito dall’acqua, intesa come risorsa indispensabile all’insediamento, all’agricoltura, alla difesa militare, alla comunicazione e al commercio.

Elemento vivificante e al contempo, con le alluvioni, minaccia alla sopravvivenza delle comunità rivierasche e più estesamente della stessa Mantova, del Serraglio e delle basse terre orientali. Guida di eccezione è Gabriele Bertazzolo (1570-1626), il più famoso degli ingegneri idraulici mantovani, dalla cui professionalità sono dipese, anche dopo la sua morte, le sorti della città e del Ducato gonzaghesco. Il Museo è stato allestito accanto alla sua più celebre creazione, la conca di navigazione, parte integrante del percorso di visita con la novecentesca conca Vittorio Emanuele III e il moderno scaricatore di Mincio. Parks.it