Home ... ma Anche Storia di Rosy, gatto fedele

Storia di Rosy, gatto fedele

445
0
CONDIVIDI
Rosy e la sua casetta

GUASTALLA – Marialberta Spaggiari, figlia della nota pittrice Elena Guastalla scomparsa nel marzo scorso, ha inviato alla trasmissione di Rete4 “Dalla parte degli animali” condotta da Michela Vittoria Brambilla la storia di Rosy, il gatto della sua mamma che non vuole saperne di lasciare la sua casa.

Si tratta di un magico gatto, gatto maschio nonostante il nome femminile, color cipria di cui non si possono più contare gli anni.

Un dipinto di Elena Guastalla

“La storia comincia il 9 marzo scorso – racconta la figlia – mia madre Elena, la regina dei gatti, la sua padrona, viene ricoverata d’urgenza in ospedale e dal giorno dopo l’ospedale chiude al pubblico. È tempo di questo maledetto Covid e mia madre se ne va il 13 marzo .. sola.

Io rimango sola e Rosy pure. il nome è femminile ma lui è un maschio! Torno a Bologna da marito e figlio. Da quel giorno Rosy rimane, come tutti i giorni, ad aspettarla, davanti al portone di casa. Di una casa vuota.

“Siamo in lockdown – racconta ancora Marialberta – e non posso spostarmi da Bologna. E qui inizia la gara di solidarietà: Giorgio il pasticcere si offre per primo a portare ogni giorno a Rosy qualcosa da mangiare, Lorenzo recupera una cuccia da un amico e gli riserva le prime coccole, e poi Elena, un’altra vicina, si occupa di lui fino ad oggi con un amore che farebbe ingelosire la sua padrona dal cielo. Insomma i vicini lo sfamano, Rosy vuole rimanere ad aspettare la sua padrona. Un giorno decidono di portarlo dal veterinario, ma letteralmente non ci riescono, il micio reagisce come una tigre, vuole rimanere a casa sua, non vuole abbandonarla per nessun motivo”.

“E’ Natale, ma da 9 mesi Rosy è ancora lì ad aspettare. Questo magico gatto è riuscito a scaldarmi il cuore in uno dei momenti più difficili della mia vita e la solidarietà dei miei vicini è arrivata a lui ma ancora più forte é arrivata a me” ha concluso Marialberta.

La casa, dove Elena Guastalla ha messo al centro della propria vita di donna e di artista l’amore per gli animali, in particolare i gatti dipingendoli e vivendo in simbiosi con loro, é ancora viva.