Home in Vetrina Scoprire la Riserva di Biosfera UNESCO CollinaPo: ecco la mappa online!

Scoprire la Riserva di Biosfera UNESCO CollinaPo: ecco la mappa online!

94
0
CONDIVIDI

di Andrea Colombelli, Ippolito Ostellino, Claudio Tensi

Nell’appena concluso primo meeting nazionale delle riserve della Biosfera MaB, tenutosi nel Parco nazionale del Vesuvio, è stato da più parti sottolineata la necessità di estendere la conoscenza di queste, soprattutto dando modo al pubblico e ai soggetti territoriali coinvolti di ritrovarsi nelle nuove geografie socio-ambientali che queste realtà stanno disegnando nel panorama delle piattaforme ambientali nazionali.

In questo senso il caso della mappa delle risorse territoriali della Riserva di Biosfera CollinaPo rappresenta un esempio in cui la sensibilità alla comunicazione e alla rappresentazione geografica si sono sposate con la comunicazione digitale open, intesa sia come aperta a tutti e facilmente accessibile sia come ricca di contenuti multipli. Ciò perché nel prodotto digitale costruito nell’ambiente MyMaps di Google sono state georeferenziate realtà che afferiscono sia al capitale naturale sia a quello storico, architettonico e culturale sia, infine, a quello di natura più imprenditoriale legato a produzioni tipiche e turismo slow, per un totale di più di 1.700 punti di interesse caricati e dotati di una corrispondente scheda descrittiva a cui sono associate informazioni e fotografie ad essi riferite.

In particolare la mappa delle risorse territoriali della Riserva CollinaPo permette, al momento, la visualizzazione di nove livelli informativi: zonizzazione della Riserva, risorse naturali, risorse culturali, sentieri, ciclovie, ospitalità e ristoro, produttori, prodotti ed eventi sulla sostenibilità ambientale. Come già richiamato, tali tematismi rappresentano in maniera completa la ricchezza e la peculiarità di questo territorio, considerandone allo stesso tempo, coerentemente ai principi del programma Man and Biosphere dell’Unesco, la dimensione naturale e la dimensione antropica.

Dato il duplice obiettivo della mappa, ovvero, da un lato, indirizzare e arricchire l’esperienza fruitiva di turisti interni ed esterni e, dall’altro, aumentare la consapevolezza e il radicamento identitario delle comunità locali, è apparsa ideale la scelta di realizzarla in ambiente MyMaps di Google. Una mappa realizzata in questo contesto presenta infatti diversi vantaggi in termini di flessibilità e leggibilità:

  • visualizzare fino a dieci livelli tematici rappresentabili attraverso una simbologia di facile comprensione;
  • arricchire ogni elemento georeferenziato con una scheda dedicata;
  • collegare direttamente ogni elemento con il suo corrispondente presente su Google Maps;
  • personalizzare l’aspetto della mappa nella scelta dei livelli tematici e della base cartografica;
  • modificare e aggiornare facilmente tutti i dati inseriti;
  • caricare facilmente la mappa su diversi siti, facilitandone la visualizzazione anche su dispositivi mobili.

La mappa è stata realizzata grazie al lavoro multidisciplinare di due giovani ricercatori, il biologo Claudio Tensi e il pianificatore territoriale Andrea Colombelli, vincitori di una borsa di studio, finanziata da IREN, finalizzata allo svolgimento di attività di sostegno alle azioni di tutela, valorizzazione e promozione del territorio messe in campo dalla Riserva di Biosfera CollinaPo; attività che proseguirà durante il 2019 grazie ad un ulteriore finanziamento di SMAT.

La mappa delle risorse territoriali della Riserva di Biosfera CollinaPo, infatti, è attualmente disponibile alla consultazione sul sito dell’Ente di gestione delle aree protette del Po torinese (http://www.areeprotettepotorinese.it/pagina.php?id=196) e rimane aperto alle segnalazioni di amministrazioni, comunità locali e semplici fruitori.