Home ... ma Anche Alluvione – Rete Imprese Modena: l’indennizzo è un passo avanti, ma occorrono...

Alluvione – Rete Imprese Modena: l’indennizzo è un passo avanti, ma occorrono le Zone Franche Urbane. Il Governo si era impegnato

800
0
CONDIVIDI
Bastiglia oggi - Foto di Francesco Nigro

 

Bastiglia oggi - Foto di Francesco Nigro

Rete imprese Italia Modena – cui aderiscono  Ascom –  Confcommercio Fam, Lapam Confesercenti, Confartigianato e Cna – esprime soddisfazione ma a metà, per l’atteso Decreto Legge approvato venerdì 18 aprile 2014 contenente misure urgenti in favore delle popolazioni modenesi colpite dall’alluvione del 19 gennaio scorso. “I 210 milioni di euro stanziati dal Governo per l’indennizzo dei danni subiti, sono una risposta concreta al disagio vissuto da famiglie ed imprese, oltre al riconoscimento dell’eccezionalità del combinarsi degli effetti delle due calamità devastanti che hanno colpito il territorio modenese in soli venti mesi”. In merito al provvedimento Rete Imprese Modena vuole sottolineare anche il proprio ruolo dato che in proposito ha incontrato diverse volte i parlamentari e i senatori modenesi.

“Quanto approvato però – evidenziano le Associazioni di Rete – corrisponde a nostro avviso solamente ad un risultato parziale rispetto alle richieste avanzate. Non c’è, infatti, ancora alcuna traccia dell’intervento fiscale per le zone terremotate, nonostante l’impegno cui s’era fatto carico l’Esecutivo. L’istituzione di Zone Franche urbane è la risposta coerente ed adeguata alle pesanti difficoltà cui sono costrette a misurarsi le piccolissime imprese del cratere sismico. Le imprese devono avere certezze per programmare la propria attività e devono anche conoscere a breve su quali fiscalità di vantaggio potranno fondare le loro strategie per la ripresa. Ribadiamo pertanto la necessità di istituire le Zone Franche Urbane e le conseguenti misure di reale abbassamento della pressione fiscale e contributiva. Il modello da seguire dovrà essere quello adottato nel 2012 per la città dell’Aquila”, hanno concluso i rappresentanti modenesi di Rete Imprese Italia.