Home Acqua e Territorio Anche Casalmaggiore sottoscrive la Carta del Po

Anche Casalmaggiore sottoscrive la Carta del Po

791
0
CONDIVIDI
Damiano Chiarini assieme al suo papà Umberto scomparso nel giugno del 2011

 

Damiano Chiarini assieme al suo papà Umberto scomparso nel giugno del 2011

L’impegno del comune di Casalmaggiore per il rispetto della Carta del Po è stato votato all’unanimità dinnanzi a Damiano Chiarini dell’associazione Persona Ambiente, a Marzio Azzoni presidente della Canottieri Eridanea e a Paolo Antonini numero uno degli Amici del Po.

Sono stati proprio questi i soggetti che più hanno spinto perché Casalmaggiore firmasse la carta d’impegno. “Questa amministrazione ha fatto tanto e tanto potrà fare per il nostro fiume – ha detto il sindaco Claudio Silla – cercando di valorizzare una golena di oltre 600 metri e un Plis (parco locale di interesse sovracomunale) costruito con acquisizione di aree dal demanio grazie al lavoro del Consorzio Forestale. Ci stiamo impegnando anche sul turismo, con l’attracco da diporto che tra poco sarà pronto”.

Damiano Chiarini ha voluto sottolineare come la “Carta sia stata approvata da tutte le forze politiche e non solo dalla maggioranza”, spiegando che “alcuni comuni come Martignana hanno già aderito alla Carta e presto arriveranno anche le adesioni di Colorno, Mezzani e Boretto, perché il Po unisce la gente e dunque entrambe le sponde si impegneranno per il suo futuro”.

Chiarini ha poi ricordato i punti della Carta: “Sollecitare l’informazione, tutelare la flora e la fauna, realizzazione la rinaturalizzazione della golena, valorizzare le aree golenali con cicloturismo e pescaturismo, intensificare i controlli dell’acqua, garantire maggiore sicurezza agli attracchi e creare una cultura dell’acqua con giornate di sensibilizzazione”. Chiarini ha concluso ricordando che il prossimo 6 settembre si terrà la terza Discesa sul Po (durante la seconda venne presentata la Carta del Po) e di lì si inizierà a monitorare il lavoro delle amministrazioni, che annualmente saranno interrogate per verificare il reale impegno.