Home ... ma Anche Comunicato Aipo: avviati interventi sul nodo idraulico di Modena

Comunicato Aipo: avviati interventi sul nodo idraulico di Modena

552
0
CONDIVIDI

In attuazione dell’ordinanza n. 3 del 5 giugno 2014 del presidente Vasco Errani in qualità di Commissario delegato (“Interventi urgenti relativi al programma di messa in sicurezza idraulica, connessi ai fiumi che hanno generato gli eventi alluvionali abbattutisi sulla provincia di Modena tra il 17 ed il 19 gennaio 2014, interessanti i Comuni già colpiti dal sisma del 2012 individuati nel decreto legge del 28 gennaio 2014, n. 4. Approvazione primo stralcio e procedure operative”), AIPo ha avviato entro i termini previsti (30 luglio 2014) tutti i 35 interventi sui fiumi Secchia e Panaro e sul canale Naviglio, contenuti nell’ordinanza medesima, per un totale di circa 11 milioni di euro.

Gli interventi possono essere suddivisi in due tipologie: puntuali e diffusi.

Per quanto riguarda gli interventi puntuali, essi riguardano la ripresa di frane ed erosioni spondali e il miglioramento delle condizioni di stabilità dei rilevati arginali nei confronti dei fenomeni di filtrazione.

Gli interventi diffusi concernono il monitoraggio e la chiusura di tane di animali, i lavori di disboscamento e decespugliamento, il ripristino delle piste di servizio, la rimozione di materiale flottante.

L’ultimazione dei lavori è prevista entro la fine del 2014, con tempistiche differenti a seconda delle caratteristiche degli interventi e delle condizioni di operatività, anche in relazione agli eventuali eventi meteo avversi.

Le attività si svolgono in stretto coordinamento con le strutture della Regione Emilia-Romagna, con la Provincia di Modena, con le Amministrazioni Comunali interessate, proseguendo inoltre le consentite forme di collaborazione con i volontari di protezione civile.

Con l’occasione si informa che sono state ultimate tutte le opere tumultuarie urgenti messe in atto da AIPo a partire dal 19 gennaio scorso e in particolare la sistemazione del tratto arginale del Secchia tra ponte della TAV e ponte dell’Uccellino, dove si era verificata la rotta.