Home Arte, Cultura, Spettacoli Gli “acquarelli alcoolici” di Oliver Vicario Pahl

Gli “acquarelli alcoolici” di Oliver Vicario Pahl

1186
0
CONDIVIDI

 

di Silvia Casotti

Che un artista descriva le tecniche della propria arte come olio, tempera, acquerello o le più variamente interpretabili “tecniche miste” è cosa abbastanza usuale. Che invece ci dica che, da sinistra a destra, un ritratto è realizzato “con café, con vino y con tabaco”  è cosa alquanto singolare.

Come singolare è l’opera di Oliver Vicario Pahl, artista spagnolo che vive e opera nella città di Burgos e che sarà in parete presso “Lucone Vino & Cucina”, a Ferrara in via della Luna 30, entro il mese di febbraio, con il titolo “dipinti divini”.

Si tratta di gradevolissimi “acquerelli alcoolici”, nei quali i toni di vino de la Ribera del Duero, ad esempio, sono capaci di donare alla Catedral de Burgos  tutto il sapore sanguigno della vita che l’artista ripropone anche in sensuali ritratti di cui riconosciamo, a tratti, le modelle.  Donne sofisticate, pensose, ironiche, uomini che osservano, che sostano languidi, esterni giorno in cui la materia alcoolica sottende la violenza delle idee di un Savonarola tratteggiato con pennellate sanguigne o pietre che trovano la pace di una piazza in cui le tinte forti si stemperano nell’acqua che diluisce e quieta.

Vale la pena, dunque, una visita a questa mostra, dai contenuti più profondi di quanto l’autoironia voglia far intendere, e scoprire, fra le opere, anche la nostra città estense, ritratta e trasfigurata attraverso lo sguardo del singolare artista.

Per info: “Lucone Vino & Cucina”, Ferrara, via della Luna 30 – Yolanda Cardenosa, Tel. 3402973717.