Home in Vetrina Nasce la rete degli Ispettorati di Porto per il fiume Po

Nasce la rete degli Ispettorati di Porto per il fiume Po

990
0
CONDIVIDI

Comunicato stampa – Sul fiume Po i compiti degli Ispettorati di Porto sono svolti dalle Province Lombarde, da AIPo e dagli uffici regionali del Veneto. Oltre al codice della Navigazione Interna, ogni ispettorato applica le norme regionali di riferimento; per le manifestazioni nautiche che si svolgono lungo il fiume Po, (come ad esempio il Raid Pavia-Venezia), le istruttorie interessano più ispettorati, che devono così coordinarsi per rilasciare autorizzazioni coerenti tra loro.

Proprio dalla necessità di un periodico confronto, il 22 febbraio si è costituita, in occasione di una riunione promossa da AIPo, la rete degli Ispettorati di Porto del fiume Po.

Le funzioni di coordinamento della rete saranno svolte dalla Direzione Navigazione Interna di AIPo, che metterà a disposizione le proprie piattaforme informatiche ed una sezione apposita sul proprio sito web. I benefici di questa iniziativa, che renderà più efficienti e puntuali le istruttorie, ricadranno sia sull’utenza che sulle amministrazioni interessate.

La rete sarà anche l’occasione per promuovere momenti di formazione comune e lo scambio di buone pratiche.

Col tempo, la rete degli ispettorati del Po potrà estendersi ai laghi e alle realtà navigabili fuori dal bacino, divenendo così un attivo ed importante riferimento per le acque interne.

Questi gli Ispettorati inizialmente coinvolti nell’incontro del 22 febbraio, costitutivo della rete:

Ispettorati delle Province lombarde di Pavia, Lodi, Cremona e Mantova; AIPo per tutto il tratto emiliano del Po; Ispettorati di Regione Veneto per Venezia, Verona e Rovigo.

Gli Ispettorati di Porto: origine e funzioni

Gli Ispettorati di Porto sono stati costituiti con DPR del 26/06/1950; essi esercitano le funzioni in materia di navigazione interna e porti lacuali trasferite alle regioni per effetto del D.P.R. 14 gennaio 1972, n. 5 e del D.P.R. 24 luglio 1977, n. 616;

Le attività svolte sono molteplici e spaziano su diversi fronti; le principali sono:

  • tenuta e relativi aggiornamenti dei registri delle navi e dei galleggianti nei quali sono trascritti i dritti reali e le caratteristiche tecniche dei natanti (art. 146 c.n. e art. 67 r.n.i.);
  • rilascio dei documenti di navigazione (licenza di navigazione, certificati di navigabilità, certificati di idoneità ecc) e i relativi rinnovi (art. 153, 154 e 164 c.n. e art. 68 r.n.i.);
  • trascrizioni, ovvero la registrazione dei passaggi di proprietà delle unità di navigazione;
  • tenuta dei registri delle navi di nuova costruzione (art. 234 c.n. e art. 146 r.n.i);
  • tenuta dei registri delle imprese abilitate a costruire navi e galleggianti (art. 232 del c.n.);
  • convalida annuale delle licenze di navigazione dei natanti iscritti, entro il primo trimestre di ogni anno (art. 69 r.n.i.);
  • emissione degli estratti cronologici per il trasferimento di un natante dall’ufficio di iscrizione ad altri Ispettorati di Porto o capitanerie (art. 146 c.n.);
  • rilascio delle autorizzazioni per manifestazioni nautiche.