Home Acqua e Territorio Non solo Po: 2 febbraio 2014, Giornata Mondiale delle Zone Umide

Non solo Po: 2 febbraio 2014, Giornata Mondiale delle Zone Umide

750
0
CONDIVIDI

 

La Giornata è stata istituita attraverso la Convenzione internazionale relativa alle zone umide di importanza internazionale, meglio nota come Convenzione di Ramsar, firmata a Ramsar, in Iran, il 02 febbraio 1971.

Una data importante quindi il 02 febbraio 1971 che ha segnato l’inizio di un interesse internazionale verso le zone umide ed ha contribuito a definire le stesse dal punto di vista naturalistico come siti di rilevanza per la tutela della biodiversità:

Ai sensi della presente Convenzione si intendono per zone umide le paludi e gli acquitrini, le torbiere oppure i bacini, naturali o artificiali, permanenti o temporanei, con acqua stagnante o corrente, dolce, salmastra, o salata, ivi comprese le distese di acqua marina la cui profondità, durante la bassa marea, non supera i sei metri.

Molti progressi sono stati fatti dal lontano 1971 in termini di tutela della biodiversità e delle zone umide in quanto habitat prediletti da molteplici specie di flora e fauna, con particolare riferimento ad uccelli e specie anfibie.

Negli anni le comunità scientifiche e la politica (soprattutto a livello nazionale ed europeo) hanno riconosciuto la rilevanza di questi siti anche dal punto di vista socio-economico, in quanto potenziali fonti di indotto turistico eco-sostenibile.

Per la loro importanza le zone umide sono spesso ricomprese nella Rete Natura 2000, rete europea di aree protette destinate alla conservazione di habitat, specie animali e vegetali ritenute importanti per tutti i Paesi dell’Unione Europea. Alcune sono inoltre Riserve e Parchi di interesse regionale o nazionale.

Il progetto ADRIAWET 2000, Adriatic Wetlands for Natura 2000, finanziato dal Programma per la Cooperazione Transfrontaliera Italia-Slovenia 2007-2013 mette a sua volta a sistema le seguenti aree protette dell’Alto Adriatico:

Riserva Naturale Foce dell’Isonzo, per la Regione FVG;

Val Stagnon, per la Repubblica di Slovenia;

Vallevecchia, Bosco Nordio e Oasi Ca’ Mello, per la Regione Veneto.

ADRIAWET 2000 è un esempio concreto dei progressi fatti nell’ambito della tutela della biodiversità e delle politiche correlate: ha infatti il duplice scopo di creare un sistema integrato di monitoraggio delle specie locali e di quelle migranti e di favorire e incrementare la biodiversità e la tutela ambientali quali valori fondamentali non solo per la comunità scientifica, ma anche per le comunità locali.

Un appuntamento ed una ricorrenza importante quella del 02 febbraio che può diventare un’occasione per conoscere le aree protette, incluse nel progetto ADRIAWET 2000 e godere del fascino delle zone umide durante la stagione invernale. Il periodo è infatti particolarmente ricco dal punto di vista naturalistico, in quanto le Riserve ospitano le specie svernanti che arricchiscono, da dicembre a febbraio, la già ricca avifauna locale.

Il 02 febbraio a partire dalle ore 15.00 l’Isola della Cona celebra la Giornata Mondiale delle zone Umide con una visita guidata aperta a grandi e piccoli. La visita permetterà di comprendere come si è evoluta nel tempo l’Isola della Cona e per scoprire le numerose specie svernanti, che arricchiscono di interessanti presenze le giornate nella Riserva: oche selvatiche, oche lombardelle, mestoloni, alzavole e tanto altro.

Il tema dell’edizione 2014 “Zone umide e l’agricoltura”, si esprime benissimo all’interno dell’Isola della Cona, dove le ampie zone di ripristino ambientale sono state create proprio attraverso la rinaturalizzazione di aree coltivate. Non va inoltre dimenticato che alcuni habitat della Riserva vengono gestiti tramite pratiche agricole come lo sfalcio e, grazie al pascolamento controllato di bovini e cavalli Camargue, vengono preservati preziosi ecosistemi.

Un’occasione quindi per ricordare la Convenzione di Ramsar e per conoscere un piccolo “paradiso” della biodiversità.

INFO E PRENOTAZIONI

I posti sono limitati, si chiede quindi la prenotazione e la conferma della propria presenza ai seguenti recapiti:

Cell. 333 40 56 800

E-mail: inforogos@gmail.com

Sono vivamente consigliati stivali di gomma o scarponcini!

LINK DI APPROFONDIMENTO

Progetto ADRIAWET 2000 e Partner

http://www.adriawet2000.eu/it

Front page

http://www.vallevecchia.it/

http://www.parks.it/riserva.bosco.nordio/edu.php

Convenzione di Ramsar

http://www.ramsar.org/cda/en/ramsar-home/main/ramsar/1_4000_0__