Home ... ma Anche Rete Imprese Italia Modena: bene il decreto risarcimenti ma servono tempi stretti

Rete Imprese Italia Modena: bene il decreto risarcimenti ma servono tempi stretti

842
0
CONDIVIDI

 

Premiato l’impegno delle Associazioni. Rimane aperta la partita della fiscalità di vantaggio

di Gian Luigi Casalgrandi

“Una notizia positiva quella arrivata ieri da Roma e inerente alla pubblicazione del Decreto che stanzia 210 milioni per chi ha subito danni in conseguenza dell’alluvione del 19 gennaio. Attendiamo di conoscere tempestivamente dalla Regione in che modo sarà normata la procedura di riconoscimento danni, augurandoci che vengano superate quelle pastoie burocratiche che stanno condizionando gli indennizzi post terremoto”. È questo il commento di Rete Imprese Italia Modena all’indomani della pubblicazione del decreto che definisce le risorse e gli indirizzi per gli indennizzi relativi all’alluvione del Secchia e al tornado del 2013. Un risultato che premia l’impegno profuso dalle Associazioni – Confesercenti, Ascom-Confcommercio Fam, CNA, Lapam-Confartigianato –  in questo senso.

Certo dispiace – continuano le Associazioni di Rete – che non sia stata presa in considerazione l’ipotesi dell’autocertificazione e auspichiamo che per asseverazione non si intenda necessariamente la perizia, che ha causato diversi problemi nel caso del sisma. Auspichiamo, inoltre, che la Regione possa considerare l’ipotesi di stabilire linee di pagamento rapide, alla stregua di quanto fatto dalla Camera di Commercio di Modena, perché soprattutto le imprese più piccole soffrono in modo particolare la mancanza di liquidità”.

Secondo Confesercenti, Ascom Confcommercio Fam, Lapam-Licom e Cna occorre immediatamente porre in essere anche le azioni necessarie per la manutenzione del territorio. “La tromba d’aria del 30 aprile ha dimostrato quanto siamo esposti a eventi climatici improvvisi ed acuti. Occorre, quindi, non lasciare nulla al caso e intervenire per limitare preventivamente i danni, oltre che per stabilire piani di monitoraggio e eventuale evacuazione come sta emergendo nei dibattiti elettorali che si sono tenuti nei comuni a maggior rischio idrogeologico”.  

Secondo Rete Imprese Italia rimane poi da sciogliere il tema relativo alla fiscalità di vantaggio, a sostegno di un territorio soggetto a tanti eventi calamitosi in pochi mesi, una questione vitale per la sopravvivenza dei centri urbani.