Home Acqua e Territorio Transizione ecologica? – Intanto c’è allarme siccità

Transizione ecologica? – Intanto c’è allarme siccità

1477
0
CONDIVIDI

Mentre si parla tanto in politica di “Transizione ecologica”, e la parola “sostenibilità” la si ritrova ovunque nelle strategie comunicative di enti e società, nella realtà accade che l’emergenza ambientale si mostra sempre di più come problema irrisolto e grave. Gli esempi non mancano.

Con il grande caldo fuori stagione il Po è già in secca con lo stesso livello idrometrico della scorsa estate per effetto della lunga assenza di precipitazioni. Al nord è già scattato l’allarme proprio all’inizio della primavera quando le coltivazioni hanno bisogno di acqua per crescere.

Lo stato del più grande fiume italiano con l’aumento anomalo delle temperature ha ora costretto gli agricoltori alle irrigazioni di soccorso in tutto il nord Italia dal Piemonte all’Emilia Romagna, dal Veneto fino alla Lombardia.

Al Ponte della Becca nel Pavese il livello idrometrico del fiume Po è di -2,66 metri, praticamente lo stesso registrato all’inizio di agosto nel 2020, rivela la Coldiretti, con la portata del Grande Fiume, scesa per la prima volta quest’anno sotto la soglia dei mille metri cubi al secondo, con un -24% rispetto alla media del periodo. Situazione idrica di profondo rosso anche per i fiumi dell’Emilia Romagna, tutti abbondantemente sotto la media mensile, dall’Enza, al Secchia, dal Reno alla Trebbia. Al nord la carenza idrica non riguarda solo il Po, in situazione di emergenza si trova anche il lago di Como al quale mancano solo 20 centimetri prima di raggiungere il minimo storico di sempre con un riempimento di appena l’8,8% contro una media del 63,8%. Per le Associazioni di categoria degli agricoltori la situazione segna le difficoltà crescenti delle imprese agricole.

In Emilia Romagna sono scattate le irrigazioni di soccorso da Parma sui campi seminati a Ferrara negli impianti di fragole e nei vivai, da Modena sulle piantine di pomodoro e di meloni a Ravenna su ortaggi e verdura, kiwi e vigneti fino a Piacenza su cipolle, mais e frumento.

Continua a leggere su ladiscussione.com