Home Acqua e Territorio Un caso di infezione da Chikungunya a Soliera (MO). A Bondeno raccomandazioni...

Un caso di infezione da Chikungunya a Soliera (MO). A Bondeno raccomandazioni dal sindaco

629
0
CONDIVIDI

Nessun allarme dopo il primo caso di infezione da Chikungunya (un virus trasmesso dalle zanzare tigre) registrato a Soliera in provincia di Modena all’inizio della settimana, ma dopo le abbondanti piogge di questi giorni e conseguenti acquitrini formatisi un po’ dappertutto, il sindaco di Bondeno, Alan Fabbri, ha inserito alcune raccomandazioni da seguire in chiave preventiva, sul sito istituzionale del Comune.

“La lotta integrata alle zanzare si basa prioritariamente sull’eliminazione dei focolai di sviluppo larvale – si apprende – sulle azioni finalizzate a prevenire la loro creazione, sull’applicazione di metodi larvicidi. La lotta adulticida, invece, si assume di solito nei casi di epidemia in corso (ove le zanzare fungono da vettori) o quando vi è un rischio di insorgenza della malattia stessa accertata dalla autorità sanitaria locale”.

I protocolli sono diversi per i possibili focolai di contagio: Chikungunya, Dengue e West Nile Disease. Quest’ultima, forse, la più temuta, trattandosi di una patologia trasmessa dalla nota zanzara del Nilo, che trova nel clima umido di queste zone terreno fertile.

“Gli interventi antilarvali (eliminazione di ristagni d’acqua) – continua l’informativa del sito – producono risultati duraturi nel medio e lungo periodo. Le imprese di disinfestazione che propongono a soggetti pubblici e privati il trattamento adulticida come metodo di lotta preventiva, in assenza di infestazioni moleste o in forma di intervento a calendario, dimostrano scarsa preparazione tecnica e mancano del rispetto dei principi alla base di tale pratica. In particolare, in assenza di casi di malattia, nei siti sensibili quali: scuole, ospedali, strutture residenziali protette, giardini pubblici, fiere, sagre, manifestazioni pubbliche serali si farà ricorso ad interventi adulticidi solamente in caso di infestazioni intense e molestie conclamate”.